giovedì, giugno 12, 2008

Profumo di nuovo

Ci pensavo ieri tornando a casa, dopo essere capitata in una delle nuove carrozze della metropolitana. Il fatto che fosse lucida e scintillante, in qualche modo rendeva il viaggio più confortevole. E tutto ciò mi ha riportato alla mente tutte le sensazioni che mi ricordano il nuovo....l'odore della carta stampata del giornale del mattino, quel vago sentore di plastica e deodorante delle auto appena uscite dalla concessionaria, la carezza del vestito indossato per la prima volta, l'emozione di un nuovo lavoro, la speranza di un nuovo amore. Tutte queste cose non hanno vero potere su di noi, eppure ci trasfigurano, come se i nuovi odori, le nuove sensazioni, le nuove esperienze rendessero più nuovi anche noi. Mi viene da pensare che, se fossimo così accorti da cogliere le possibilità che ci offre ogni nuovo giorno, invecchiare sarebbe molto più difficile...

29 commenti:

Bk ha detto...

interessante...
vuol dire che se cambio continuamente... divento immortale?
come il cielo? il mare?
Un bacio Bk
PS: carine le foto!! ma dove le prendi?

Lieve ha detto...

Proprio così!
Immortale come il cielo e come il mare, sempre diversi eppure sempre gli stessi. Sarà il cambiamento la chiave dell'eternità? Bah...mi occupo di cose troppo leggere per poter dare una vera risposta ;)
Ps. Le foto le prendo quasi tutte su deviantart! Trovi il link nell'elenco dei miei link!
Ciao ^__^

DUBBAFETTA ha detto...

Le cose nuove, sono stimolanti, ma difficili da interpretare, quelle vecchie invece hanno perso si, il loro profumo e le loro sfumature iniziali, ma sai pero' come parlare loro, e come viverle e come disegnarle. Non so se il nuovo sia poi cosi positivo, in fondo anche le cose vecchie una volta erano nuove

Lieve ha detto...

Le "cose vecchie" sono vecchie perchè abbiamo lasciato che divenissero tali. Le novità ci attraggono con il fascino della sfida, della scoperta, solo che dopo un po' non riusciamo più a vedere quei particolari che all'inizio ci avevano fatto sognare, così come accade per tutte le cose, anche belle, che abbiamo costantemente sotto gli occhi e che finiamo per ignorare...vedere tutto come se fosse la prima volta...ecco cosa ci manca :)
Ciao Dubba!

DUBBAFETTA ha detto...

mmm..non lo so, non so se sia nostra la colpa dell'invecchiamento delle cose che abbiamo attorno, forse abbiamo un concetto diverso di vecchio, vecchio non vuol dire per forza usato, o logoro, o privo di ... vecchio secondo mè significa anche Pieno, e saggio, ci sono cosi tante prime volte che quello che in realta' ci manca è la costanza e la perseveranza del rimanere a contatto con il "vecchio" senza dovere cercare novita' che spesso risultano inutili.

DUBBAFETTA ha detto...

PS :-) come stai?

DUBBAFETTA ha detto...

PS ma eri in treno nella fotina dell'avatar? no perchè sembra proprio la classica luce dei vagoni :-) è bella

Lieve ha detto...

°_° che occhio Dubba! ci hai preso in pieno, sei il primo che se ne accorge...talento professionale a quanto pare ;)

Baci ^_^

Lieve ha detto...

Ah...non mi ero accorta degli altri due commenti ._., me rimbambita :P
Sai, non devi prendere le mie parole in modo troppo "assoluto", tu hai ragione: esiste il "vecchio" stanco e logoro ed esiste il "vecchio" saggio e pieno. Ma io a volte parlo come una di quelle eroine dei fumetti dove esistono solo il bene e il male, il bianco e il nero..senza sfumature di grigi, il chè poi è anche sbagliato visto che alla fine quello di cui si parla, e che occorre per essere felici, è solo l'armonia...ma ho idea che potremmo discutere per ore di questi argomenti o.0 ;)
Quanto al come sto, di getto di rispondo che sto bene,un pochino in fibrillazione per alcuni recenti avvenimenti, grazie per averlo chiesto!!!

DUBBAFETTA ha detto...

scrivere e comunicare e parlare con te è come parlare con me stesso ( beh un giorno te lo spiego cosa volevo dire).
Mi fa piacere che stai bene e la mia non è SCIENZA :-(, è solo osservazione , e leggerissima conoscenza dei ricordi e delle luci legate ai ricordi stessi.
Beh ora aspetto il tuo prossimo post non vorrei esaurirti :-) ciaooooooo

Lieve ha detto...

Vedere e conoscere sono un po' la stessa cosa, non a caso in greco questi verbi avevano la stessa radice :P (e con questo la piccola dimostrazione di scienza l'ho fatta io ._.)
Ci vuol ben altro ad esaurirmi ;) ed è stato un piacere parlare con te, al prossimo post allora ^_^...
Io ti vedo come una musica molto diversa da me, ma alle volte riconosco una specie di motivo nascosto che abbiamo in comune. Sarà per questo che non sempre abbiamo le stesse idee ma che alla fine andiamo d'accordo ;)
(...e passami la metafora musicale :P)
A presto!

Nuvola ha detto...

Una ventata di novità fa bene alla grigia monotonia quotidiana..
speriamo che siano buone nuove.
A presto ;)

Marco ha detto...

A me ultimamente di nuovo piace solo l'odore dei volumi di Sandman. Sarà che non c'è altro, o l'odore è molto forte.

Ci sono, Ada, ci sono. La mia presenza aleggia come quella dell'Olandese Volante (che non è Orange, per fortuna).

Ciao ciao.

M.

Franz ha detto...

io credo che il segreto sta nel sapersi stupire e lasciarsi stupire ogni giorno.

Ho intravisto anch'io qui a Milano quei nuovi vagoni intercomunicanti con televisori e aria condizionata, mi lasciano perplesso, sono più legato ai vecchi rottami che si sentono i fischi delle rotaie appena frenano! :D
ti abbraccio

Luna Dark ha detto...

un bel post davvero...

il nuovo è emozionante e misterioso, ma anche invitante e splendente

ma il vecchio spesso è confortevole e "adattato"

a volte tengo il vecchio, a volte scelgo il nuovo

l'importante è scegliere con convinzione

uuuuh

Silvia ha detto...

Ottima riflessione!
Con un pò di sensibilità e attenzione si può riuscire davvero a vedere ogni giorno come nuovo e non solo...

Se trattiamo con cura ciò a cui più teniamo non invecchierà mai...Anzi, quell'oggetto, quella persona, quelle emozioni saranno ciò che di più prezioso possa esistere :)

Buon fine settimana

Lieve ha detto...

Marco: eh sì, ho visto che sei tornato ;)
Sandmand dici? Voglio prendere qualche numero anche io ^_^
Un abbraccio capitano

Franz: i vagoni nuovi sono un tantino asettici, però non riesco a essere nostalgica di quelli senza aria condizionata :P
Ciao Franz ;)

Ciao Silvia! Centrato in pieno =)

Nuvola: con te ci si vede presto, un bacione!

Ales: ..e dire che ti facevo un "collezionista" ;) sempre a caccia del nuovo ma molto attaccato a quello che hai già =)

Virgilio Rospigliosi ha detto...

Qualcosa di nuovo è come una ventata di freschezza. E' rigenerante almeno a me fa quest'effetto.

C'è un detto latino-americano che dice "Hoy es el primer dia del resto de mi vida"

Carini! Sono i tuoi piedini?

S E R E N A ha detto...

Molto giuste le tue considerazioni...trovo il tuo blog molto particolare ed interessante...quando hai tempo passa a trovarmi...ti aspetto!!

www.goccedivita-serena.blogspot.com

Arthur ha detto...

forse hai ragione

Mario l. ha detto...

Bello questo post, mi ricorda molto Proust e la reverie, la memoria involontaria, causata dalle sensazioni, che trasporta la persona fuori dal tempo. Secondo lui, è proprio questo il modo riuscire a sfuggire all'eterno scorrere del tempo.

Dal canto mio penso che se sapessimo vivere ogni giorno cogliendo le opportunità che ci offre, la morte non ci farebbe più paura, visto che avremmo preso già tutto quello che la vita aveva da dare...

Mikim ha detto...

ciao lieve! finalmente riesco a passare dalle tue parti... Mi piace molto l'idea che dai alla fine, quindi si invecchia quando abbiamo l'impressione di conoscere già tutto, quando ci manca la curiosità verso il nuovo e l'inesplorato... forse è davvero così... un bacio e a presto!

Sergio ha detto...

Ciao, hai perfettamente ragione..purtroppo spesso non riusciamo a coglierne l'essenza..piccole gioie, grandi emozioni..

Lieve ha detto...

Virgilio: No...non sono i miei piedini, ma ammetto di possedere dei calzini altrettanto gioiosi ;)

Serena: Benvenuta ^_^ Passerò presto =)

Arthur: Come sarebbe "forse" ?
Ho ragione, poco ma sicuro :P ;)

Lieve ha detto...

Mario: Che bella considerazione o.0.
Mi trovi perfettamente d'accordo e mi precipiti nell'universo del carpe diem ;)

Mikim:E già...finchè abbiamo voglia di stupirci non possiamo veramente invecchiare ;)

Sergio: Benvenuto anche a te.
Mi piace il tuo avatar o__O
;)

Pellescura ha detto...

Io sarei per l'usato sicuro. :)

L ha detto...

Grande pensiero. Però, almeno per me, invecchiare sarebbe più facile. Accetterei meglio il tempo che passa (non che ora sia un problema, ma più avanti chissà) perchè ogni giorno e ogni cosa nuova mi ha regalato questo tipo di emozioni.

Ciao,
L.

Lieve ha detto...

L: A parte che ancora c'è tempo (lo so per certo visto che hai finalmente svelato la tua età :P) mi dai l'idea di una persona per cui invecchiare non sarà mai motivo di crisi ;)

Pellescura: usato sicuro? o__0
Sarà mica che devi comprare una macchina? :P ;)

L ha detto...

Invecchiare non è secondo me un problema. E' l'accorgersi che perdi tempo che ti rende vecchio.

Finchè reggo, rock'n'roll.

L'età non conta.

Ciao,
L.