domenica, gennaio 04, 2009

The butterfly effect

Una farfalla sbatte le ali in Europa e un tornado si scatena ai tropici. Imprevedibile effetto valanga. E le nostre decisioni, la nostra indifferenza, le nostre parole in che modo influenzano il mondo?
E lasciando da parte il macrocosmo, che dire del modo in cui influenzano la vita di altri come noi? C'è chi cambia vita in maniera radicale: entrando nella Legione Straniera, prendendo i voti, cambiando sesso... Ma come si giunge a queste determinazioni e, caso per caso, è possibile risalire alla "farfalla" che con il suo impercettibile battito d'ali ha determinato la scelta?
Ho recentemente scoperto che un mio vecchio compagno di classe delle elementari ha compiuto una delle sopracitate eclatanti scelte di vita - scelta che comporta una buona dose di rinunce e sacrifici perquanto nel farla si ritenga senza dubbio di trarne benefici maggiori.
La mia mente è tornata indietro nel tempo, agli antichi banchi di scuola. Sono stata un po' crudele con quel compagno di classe. In tanti piccoli modi ho compiuto tante piccole crudeltà vagamente inconsapevoli come solo le crudeltà dei bambini possono essere.
E ora non ho motivo di ritenere che lui non sia felice pensando a chi diventerà e, anzi, tutto lascerebbe pensare che abbia trovato la sua strada per la felicità. Eppure non riesco a fare a meno di pensare che in piccolissima parte sono stata io a spingerlo a compiere quel passo, io e le piccole crudeltà di chissà quante altre persone.
E mi chiedo se non potevano esserci altre strade per lui. Me lo chiedo e mi sento un po' in colpa...

21 commenti:

intrigantipassioni ha detto...

Non ti sentire in colpa...
Queste decisioni avvengono perche' le persone le portano dentro. Da sempre..
Le fuggono per paura, perche' si sentono in una sorta di diversita'... ma prima o poi il loro ego, il loro desiderio si fa insistente. Ed ecco la scelta. ... Anzi: LA SCELTA.
Prendila come una svolta bellissima... un qualcosa che le portera' a valorizzare se stesse...
:-)

Luna Dark ha detto...

Accidenti che bel post.

Credo che le mutazioni che tu citi derivino da un desiderio interiore sopito che il destino aiuta a risvegliare.

Può essere che tu sia parte di questo destino, così come può essere che la tua presenza sia stata assolutamente indipendente.

In ogni caso tutto va come deve andare.
E' un po' buddista, come punto di vista, ma è confortante ;)

Clode ha detto...

Sei cosciente del fatto che se anche non te lo diciamo ci stiamo tutti chiedendo quali delle sopracitate azioni il tuo compagno ha portato a termine?!?!

Scherzi a parte, penso che quando veniamo a sentire qualcosa di chi "conoscevamo" che ci fa rattristare (anche se poi non è un evento triste) ripensiamo sempre ai nostri rapporti con loro, ma chissà di tutti i battiti d'ali di farfalla di cui è fatta la nostra vita quali possono essere quelli più decisivi?!

Claudio Giubrone ha detto...

Diciamo che è sempre brutto prendersela con gli altri, ma solo se non se lo meritano o non sono in macchina.
Ci sono cose che scappano all'effetto valanga. Nel tuo caso(sono quasi sicuro, di aver capito senza ombra di dubbio di che si sta parlando) la tappa finale poteva essere una costrizione o uno sbocco naturale. Sperando sia la seconda, le tue azioni (nel bene o nel male) hanno influito (nel caso specifico) accelerando o rallentando gli eventi.

Lieve ha detto...

Intrigantipassioni...in realtà non mi sento tanto in colpa per la sua scelta - sarebbe folle e presuntuoso da parte mia- mi sento colpevole per come mi sono comportata in passato. Forse la mia cattiveria non ha avuto nessun imprevedibile effetto sul presente, ma chissà se un mio gesto di gentilezza non l'avrebbe avuto...foss'anche arrivare alla stessa decisione ma con più serenità :)

Lieve ha detto...

Luna Dark...su questo siamo d'accordo...tutto va come deve andare ;)

Clode, hai centrato in pieno...quello che un po' mi turba è non sapere quali sono i battiti d'ala importanti...si risparmierebbero un sacco di guai a saperlo, non credi? ;)

Claudio...quella della macchina non l'ho mica capita, sai? o_0

Clelia ha detto...

Ogniuno di noi sceglie il proprio destino. Non sentirti in colpa, eri solo una bambina e si sà i bambini sono spontanei... non sanno di ferire. Lui ha fatto la sua scelta forse è felice, forse no il punto è che ha scelto quando era un adulto la sua strada.


Bellissima la metafora della farfalla.

sempre un piacere leggerti.

Clelia

Fabioletterario ha detto...

Augurissimi di buon 2009! :-)
fabio

Arthur ha detto...

Forse sì, siete, siamo, tutti un pò responsabili, ma in definitiva la scelta è sua.

Claudio Giubrone ha detto...

La regola di chi guida a Messina (ma conto solo io) è: chiunque ti stia davanti è un'idiota, chiunque ti stia dietro è un'idiota e chiunque ti stia ai lati e un idiota. Chiunque guida (ma solo mentre sta in macchina) merita di essere trattato male perché ti rallenta. Per capire, bisogna guidare a Messina.

Clode ha detto...

Ci rispermierebbe un sacco di guai?! O frenerebbe la nostra spontaneità? (che porta anche cose belle eh!) Io preferisco così, tutto sommato, guardo la farfalla e posso solo immaginare il tornado...

(però è vero ogni tanto si vorrebbe sapere se qualcuno dei nostri piccoli gesti ha una qualche influenza e in che modo, concordo...)

Virgilio Rospigliosi ha detto...

Il destino di ognuno di noi è condizionato da tante piccole cose, da tanti piccoli battiti d'ali di farfalle. Per una mia battuta una sera un mio amico adesso è sposato con una donna da 10 anni. Tutti siamo complici e qualche volta vittime. E' la vita, ed è bello così.

Lieve ha detto...

Claudio: ora ho capito :P

Arthur e Clelia già, senza dubbio la scelta è sua ;)
Ciò non toglie però che sono stata cattivella ._.

Virgilio, però! Il tuo battito d'ali è stato davvero provvidenziale! ;)

Anonimo ha detto...

Oh mamma! Cosa puoi aver fatto per influenzare tanto una scelta? E' vero che le esperrienze del passato ci formano e ci indirizzano verso le scelte ma nn è un semplice litigio con un compagno a farlo. Spero che questo ragazzo sia felice alla fine e trovi la sua vera strada e lo spero anche per te...baci

Mary-emjay-dafne

pmor ha detto...

perché sentirsi in colpa? una frase molto azzeccata è: la mia più grande ferita è stata anche la mia migliore occasione... a volta non tutti quelli che ti trattano male ti spingono verso il baratro e non tutti quelli che ti coccolano lo fanno per il tuo bene.. si vede che doveva andare così... ciao...è la prima volta che passo...mi sembrava bello lasciare un segno

L ha detto...

Mah, se lo ho aiutato a fare un scelta per lui sentita, sei stata piacevolmente fondamentale.

Un bacio,
L.

Silvia ha detto...

Felice lui felici tutti no? :)

Buon fine settimana...

Lieve ha detto...

Pmor: hai detto una cosa molto giusta e una frase molto bella...mi sache come primo "segno" sei andato bene ;)
A presto ^_^

Lieve ha detto...

L e Silvia: non avete torto, l'importanteè che adesso sia contento =)

Emjay: un giorno magari te lo racconto come si deve...
E' un sacco che non ci sentiamo, spero di beccarti su msn! :)

Fabioletterario ha detto...

Ma... è sparito il mio commento a questo post, in cui come sempre elogiavo la fluidità della tua scrittura! :-(

Coram ha detto...

Ha preso i voti, dunque. Di coraggio, be', ce ne vuole, per una scelta del genere... Se ha pensato di trarne maggiori benefici, spero che sappia quello che fa. Senza offesa, sia per lui che per i votanti... votatori... vocatori...?


Se ho capito male, e ha cambiato sesso... Be', spero che sappia quello che fa anche in questo caso. Anche se in questo caso l'avrebbe già fatto, quindi c'è poco da sperare.



Ciao Ada...

M.